ottobre 2010

You are currently browsing the monthly archive for ottobre 2010.

L’on. Erica Rivolta, Lega Nord, in collaborazione con il collega Nicola Molteni, aveva preannunciato al settimanale Vita del 20 ottobre scorso l’intenzione di presentare venti interrogazioni sul Servizio Civile. Oggi sul sito della Camera dei Deputati sono state pubblicate le ultime tre.

Per comodità di lettura rimandiamo ai tre testi presentati:

1) 500 anni di “lavoro persona”

2) Vengo a prenderti stasera con la mia Jaguar del ’77

3) Opache trasparenze

Da carcere militare a casa per la pace e la nonviolenza, questo è quanto chiedono i rappresentanti ed esponenti di associazioni pacifiste e nonviolente romane, tra cui il C.E.S.C.,  firmatari dell’appello al Sindaco di Roma, perché Forte Boccea, già carcere giudiziario militare dove furono rinchiusi molti giovani che si dichiaravano obiettori di coscienza al servizio militare, diventi un luogo di promozione della cultura nonviolenta

Leggi tutto

Lo scorso 13 ottobre l’on. Antonio Misiani (Partito Democratico) ha presentato un’interrogazione parlamentare in cui si chiedono  lumi sul funzionamento del sistema di controllo di UNSC, sia in fase di finanziamento dei progetti sia nell’attuazione dei controlli sulla gestione degli stessi. In particolare nell’interrogazione ci si chiede come sia stato possibile che i funzionari della Commissione Valutazione, tra i progetti andati a bando nel 2009, non si siano accorti di finanziare un progetto in cui l’ente proponente (Endas) chiedeva l’assegnazione record di ben 144 volontari nella propria sede posta nel comune di Sant’Anastasia (NA).  Siamo davvero curiosi di leggere quali motivazioni saranno avanzate da UNSC per giustificare questa ennesima imbarazzante situazione.

Leggi il testo dell’interrogazione

Mentre il capo di UNSC, on. Leonzio Borea, in un’intervista concessa a Redattore Sociale riportata dal sito Esseciblog, definisce “sterili polemiche” le sedici interrogazioni presentate dall’on. Erica Rivolta, quest’ultima continua imperterrita per la sua strada e, sempre a proposito di progetti finanziati con l’ultimo bando, esterna alcune perplessità a riguardo di un progetto presentato da un ente accreditato alla prima classe dell’Albo Nazionale.

Leggi il testo della nuova interrogazione.